0

RIMA RIMANI

 
Rap del vento
di Bruno Tognolini

 da “Rima Rimani”

Nord-Sud Edizioni

RAP DEL VENTO

Corri fino a qui
Corridore trasparente
Corri da lontano
Meravigliosamente
Nessuno tocca niente
Però tutto si muove
Tu corri fino a qui, però
Non so da dove
Prendi a spintoni
Le foglie solitarie
Spargi quelle nuvole che
Si danno arie
Sciogli quelle sciarpe
Alza quelle gonne
Fai diventare nevrasteniche le donne
Arruffa i rami
Sfoglia i giornali
Fai diventare litigiosi gli animali
Passa volando
Un popolo di foglie
Uno che ha in testa il cappello se lo toglie
Passa strisciando
Un branco di cartacce
Uno col gelato
Dice parolacce
Gelati nella sabbia
La sabbia dentro gli occhi
Girandole che frullano appena tu le tocchi
Striscioni ed aquiloni
Maglioni con le ali
Bandiere di calzoni
Farfalle di giornali
Amico trasparente
Mi spieghi come mai
Non vedo ciò che sei però mi piace ciò che fai
Toccami le mani
La tua casa dov’è?
Torna anche domani
Per giocare con me

Annunci
1

LA SCUOLA

“L’alternativa ad una scuola noiosa

non è una scuola divertente.

E’ una scuola interessante.”

TRATTO DA “SCUOLA IL RISCHIO NOIA SE SI PERDE LA MERAVIGLIA”

DI ALESSANDRO D’AVENIA – AVVENIRE

0

OTTOBRE

RIME CHIARO SCURE

“Ottobre”, da “Rime chiaro scure”
di Chiara Carminati e Bruno Tognolini – Rizzoli

“Ad ottobre ne son già passati nove
Forse è triste, e per questo piange e piove

VIALE D'AUTUNNO
Io gli parlo, ma mi prende un groppo in gola
Non mi viene in mente niente che consola
Ma poi penso che l’ottobre e la sua pioggia
Ripulisce come l’onda la sua spiaggia

    MARE1
E io forse, con la pioggia dei miei pianti
Sto lavando i nuovi giorni che ho davanti.”

OMBRELLO AL MARE

0

I RAPATORI DI TESTE

9788847201163

Tratto da “I rapatori di teste” di Marco Moschini – Raffaello Editrice

“E sei comparso tu

mucchietto di bambino

a sollevare turbinando

la polvere degli anni.

 

Allungherò per te la mia vecchiaia

uccellinno senz’ali

che voli alto

nel cielo del tuo babbo.”

1

LA GIOIA DI UN BAMBINO

cropped-logo2.png

Se siete in grado di diagnosticare la gioia di un bambino e la sua intensità, dovete rendervi conto che la gioia più grande è quella di una difficoltà superata, di uno scopo raggiunto, di un mistero svelato. La gioia di un trionfo, la felicità dell’indipendenza, del dominare, del padroneggiare.

Janus Korczak